Dentro il paesaggio. Prendersi cura dei luoghi

A conclusione del progetto Visioni Fuori-Luogo. La montagna che r-Esiste venerdì 8 novembre dalle 8.45 alle 17.00 si terrà a Feltre, presso l’aula magna dell’Istituto “Dal Piaz” l’incontro Dentro il paesaggio. Prendersi cura dei luoghi.
L’iniziativa, promossa dall’Istituto “Dal Piaz” e dall’Isbrec con la collaborazione di Provincia di Belluno, Comune di Feltre, Comune di Pedavena, Scuole in Rete, Abm, Polo bibliotecario feltrino, intende far conoscere a studenti e cittadini realtà del territorio che hanno scelto di “resistere” in una terra difficile qual è la montagna e nel contempo promuovere il progetto Visioni Fuori-Luogo, iniziativa realizzata nell’ambito del Piano Nazionale Cinema per la Scuola promosso da MIUR e MIBAC che prevede la produzione da parte di alcuni studenti dell’Istituto feltrino di un documentario sulle difficoltà del vivere in montagna.

Programma

mattina

8.45 – 9.00 – saluto del Preside prof. Mario Baldasso e delle Autorità

9.00 – 9.50
EMIGRARE PER CONOSCERE, TORNARE PER FAR CRESCERE
A
ngelo e Oscar Paganin – Cooperativa ‘Il Cantiere della Provvidenza’

9.50 – 10.45
CONOSCERSI PER REINVENTARSI Esperimenti di valorizzazione del patrimonio sociale, culturale e paesaggistico
Valentina De Marchi e Alessandro Moretto – Associazione Isoipse

10.45 – 11.05 intervallo

11.05 – 12.15
STORIA, CULTURA E IDENTITÀ: appartenere a una piccola comunità in un mondo globalizzato
Denni Dorigo – Direttore Istitut Cultural Ladin Cesa de Jan – Colle S. Lucia

STABILIRSI PER VIVERE CON TUTTI UNA “FRATERNITÀ UNIVERSALE”
Elisa Busatto
– Comunità Assekrem – S. Giovanni di Livinallongo

pomeriggio

14.10 – 15.20
DOLOMITI. IL PATRIMONIO MONDIALE, RESPONSABILITÀ COLLETTIVA
Marcella Morandini
– Direttore Fondazione Dolomiti Unesco

OLTRE GLI STEREOTIPI SULLA MONTAGNA, LE PRATICHE RIGENERATIVE DI DOLOMITI CONTEMPORANEE
Cinzia Gallina – Dolomiti Contemporanee

15.20 – 15.30 intervallo

15.30 – 16.15
IL SERVIZIO CIVILE: UNA SCELTA VOLONTARIA PER IL TERRITORIO
Roberta Conte, Silvia Gobber, Nicholas Zanella – Unione Montana Feltrina – Servizio Civile

16.15 – 17.00
GIOVANI VOLONTARI NELLA MONTAGNA CHE RESISTE
Federico Brancaleone
responsabile Ufficio Stampa del Csv di Belluno; Olsi Oshafi (Albania) e Ylber Bytyçi (Kosovo) – ‘Food Waste Project’ – primo progetto del programma ‘European Solidarity Corps’

Coordinamento degli interventi e del dibattito a cura dell’ISBREC – proff. Enrico Bacchetti e Diego Cason

Insegnante responsabile del Progetto ‘VISIONI FUORI-LUOGO. La Montagna che r-Esiste’ – Anna Rosa Cavallari
Direzione artistica – Alessandro Padovani / Segreteria – Marina Indezzi / Ufficio Stampa – Vania Strada / Grafica – Sara Maccagnan / Stampa locandine – Vincenza Croce e Matteo Conz / Riprese – Davide Bianchet, Gabriele Tanzariello

Grazie a: Selene Costa, Carlo Gesiot – Unione Montana Feltrina / Nevio Meneguz – CSV Belluno / Silvia Scrascia

PARTECIPANO GLI STUDENTI DELLE CLASSI QUARTE
INIZIATIVA APERTA ALLA CITTADINANZA
visualizza la locandina qui

Un angelo in tonaca nera

Venerdì 1° novembre alle ore 20.30,  presso la sala riunioni Abm in via Cavour, 3 a Belluno verrà presentato il docufilm Un angelo in tonaca nera. La storia di Madre Luisa Arlotti. Canossiana, infermiera, partigiana. La visione dela documentario sarà preceduta dall’introduzione di Gioachino Bratti (Presidente del Comitato di gestione della Biblioteca delle migrazioni “Dino Buzzati”) e vedrà la partecuipazione di Ugo De Grandis, autore del libro Madre Luisa Arlotti. Canossiana, infermiera, partigiana (2016). L’incontro è organizzato grazie alla collaborazione tra Biblioteca delle migrazioni “Dino Buzzati”, Associazione Bellunesi nel Mondo, Centro Studi sulle Migrazioni “Aletheia”, Fidapa Bpw Italy sezione di Belluno, Isbrec, Frammenti di memoria.angelo in tonaca nera

Per maggiori informazioni:
Tel. 0437 941160;
mail: biblioteca.migrazioni@bellunesinelmondo.it

Ingresso libero

Il film
Realizzato da un’idea di Ugo De Grandis e Vittorio Canova (regista), il documentario racconta la figura di Madre Luisa Arlotti, nata nel 1904 ad Orzes, frazione di Belluno. Trasferitasi ben presto a Venezia, a 24 anni Luisa Arlotti si fece suora canossiana, assumendo rapidamente cariche importanti nell’Ordine e divenendo poi direttrice dell’Asilo “Rossi” di Schio. Qui acquisì, per il suo impegno e il suo talento di insegnante e di infermiera, e per la sua generosità e apertura verso il prossimo, stima e affetto.
Fu questa generosità che la spinse, negli anni dell’occupazione tedesca, a dare aiuto e assistenza nel suo asilo a partigiani e militari bisognosi di cure, senza badare ai rischi che correva e che purtroppo, per la spiata di una persona che pure aveva soccorso, la condussero in prigione. Privata della libertà, resistette con fermezza e senza mai cedere alle intimidazioni e alle angherie dei tedeschi che volevano estorcerle informazioni sulla rete di assistenza in Schio.
Ma le umiliazioni più vergognose le vennero dopo, alla fine della guerra, quando per il suo passato di resistente e per malevoli e false insinuazioni sul suo operato, fu condannata dai superiori a subire continui trasferimenti e incarichi sempre più avvilenti.

Pane e ferro. Il Novecento qui da noi

Isbrec e Mondadori Bookstore vi invitano alla presentazione del libro di Massimiliano Santarossa Pane e ferro. Il Novecento qui da noi, romanzo storico edito da Edizioni Biblioteca dell’Immagine.pane e ferro 2

L’incontro si terrà lunedì 28 ottobre alle ore 18.00 presso la Libreria Mondadori Bookstore in via Mezzaterra, 15 a Belluno. Discuteranno del libro Mirta Amanda Barbonetti (Isbrec), Paola Tantulli ( Edizioni Biblioteca dell’Immagine) e Massimiliano Santarossa (scrittore).

Il Novecento nella grande pianura padana. “Pane e ferro”, il racconto dell’epopea contadina, famigliare e sociale del Novecento veneto e friulano, dove la terra è stata solcata dalla “grande storia” ben più che altrove, e dove le “storie minime”, intime e umane, parlano delle fatiche e delle conquiste di un popolo da tempo dimenticato: i “metalmezzadri”. Donne e uomini con la schiena sulla terra da coltivare e i corpi nel ferro da costruire. Un’opera storica e letteraria sul popolo Veneto e Friulano. «Cent’anni raccontati dagli occhi d’una famiglia, quella di tutti noi».
Da una ormai consolidata collaborazione con l’Istituto Storico Bellunese della Resistenza e dell’Età Contemporanea, Santarossa sceglie l’Isbrec come partner, per la tappa bellunese del tour del suo ultimo lavoro, dopo le presentazioni negli scorsi anni di Metropoli e Padania. Dopo un silenzio di 4 anni, lo scrittore delle periferie, torna al pubblico con un lavoro importante: un’opera storica e letteraria sul popolo Veneto e friulano, analizzando il Novecento nella grande pianura padana.
Pane e ferro sembra uno spaccato da prima rivoluzione industriale senza il carbone, un’“epopea” famigliare e sociale del Novecento veneto e friulano, un omaggio ai dimenticati della Storia, agli scarti sputati dal progresso, e che il progresso – ironia della sorte – hanno sostenuto con le loro braccia e le loro schiene. In pieno boom economico, mentre l’Italia vive il suo miracolo economico, Santarossa, racconta la storia dei metalmezzadri,  contadini che, travolti dallo sviluppo industriale delle fabbriche,  arrancano nelle fatiche dei campi alla conquista di una dignità,  diventando improvvisamente operai, ugualmente sfruttati.
Pane e ferro, con il supporto di appendici, note, liriche, cronologia del Novecento del Nordest, è un libro bellissimo, importante, impegnato e coraggioso. Un testo utile per capire ciò che siamo e perché un territorio è diventato quello che è oggi.

A 50 anni dal Conib. Presentazione del rapporto di ricerca sull’industrializzazione del comprensorio del Vajont

Doppio appuntamento di presentazione del libro di Agostino Amantia L’industrializzazione del comprensorio del Vajont. Intervento speciale, ricostruzione economica e sviluppo dopo la catastrofe (1963-2000), edito da Il Mulino. Frutto di una ricerca originale promossa dall’Isbrec su sollecitazione del Conib (Consorzio per il nucleo di industrializzazione bellunese), questo volume propone un quadro organico e articolato del processo di ricostruzione economica che si realizza nel Bellunese dopo la catastrofe del Vajont del 9 ottobre 1963.

Per presentare tale lavoro, l’Isbrec, in collaborazione con i Comuni D’Alpago e di Sedico e il Bim Piave, organizza due incontri dal titolo A 50 anni dal Conib. Presentazione del rapporto di ricerca sull’industrializzazione del comprensorio del Vajont che si terranno rispettivamente a Paludi (Alpago) e Sedico, secondo il seguente programma.

giovedì 24 ottobre 2019, ore 17.00Conib Alpago
The Mind Gym – Fedon
via Dell’industria 5/9, loc. Paludi, Alpago (BL)

Saluti
Callisto Fedon – Presidente e A.D. della Giorgio Fedon & Figli S.p.A.
Umberto Soccal – Sindaco del Comune di Alpago
Pierluigi De Cesero – Presidente del Conib
Interventi
Agostino Amantia – ricercatore
Presentazione del rapporto di ricerca
Diego Cason – sociologo
Comunità e industrializzazione: mutamenti e trasformazioni in Alpago
Testimonianze
Erminio Mazzucco – Consigliere e Vicepresidente Conib
Callisto Fedon– Presidente e A.D. della Giorgio Fedon & Figli S.p.A.
In collaborazione con Fedon
Seguirà aperitivo
Gradita conferma di partecipazione | comunicazione@fedon.it


 

Conib Sedicovenerdì 25 ottobre 2019, ore 17.30
Municipio di Sedico | Sala Consiliare

Saluti
Stefano Deon – Sindaco del Comune di Sedico
Pierluigi De Cesero – Presidente del Conib
Interventi
Agostino Amantia – ricercatore
Presentazione del rapporto di ricerca
Diego Cason – sociologo
Comunità e industrializzazione: mutamenti e trasformazioni a Sedico
Testimonianze
Giuseppe Pat – Consigliere e Vicepresidente Conib
Ubaldo Levis – Consigliere Conib
Ingresso libero

Il libro: Dopo un’ampia introduzione dello storico di Giovanni Luigi Fontana, il volume prende le mosse dallo stato della società locale all’inizio degli anni Cinquanta, di cui evidenzia la fragilità economica e la condizione di sottosviluppo originata dal drenaggio di uomini e risorse cui era sottoposta. Quindi si concentra sui due momenti chiave del processo di industrializzazione: quello promosso dal basso dalle comunità locali, che prende forma alla vigilia della catastrofe e trova nel consorzio dei comuni del Bim Piave il canale di attuazione, e quello perseguito dal legislatore dopo la catastrofe attraverso il Consorzio per il nucleo di industrializzazione della provincia di Belluno. Di questa esperienza di politica territoriale e industriale, che si sviluppa tra gli anni Sessanta e Novanta, vengono ripercorse le fasi salienti, seguendo l’iter di elaborazione della legislazione speciale, la messa in opera del processo di ricostruzione e il flusso di imprese che si insediano nelle diverse sedi del nucleo.

Nuto Revelli. Vita, guerre, libri

giuseppe_mendicino

giuseppe_mendicino

All’interno della rassegna “Oltre le Vette”, sabato 12 ottobre, alle ore 18.00, presso la sala “Bianchi” di Belluno, verrà presentato il libro di Giuseppe Mendicino Nuto Revelli. Vita, guerre, libri (Priuli & Verlucca, 2019). Autore di importanti volumi su Mario Rigoni Stern, in questo nuovo lavoro Mendicino presenta, ad un secolo dalla sua nascita, la figura di Nuto Revelli, alpinista, soldato, partigiano e studioso delle popolazioni delle montagne, di quel “mondo dei vinti” a lungo dimenticato sia dalla storiografia ufficiale che dalla retorica della montagna.  I temi ricorrenti, le passioni di Nuto Revelli, riguardano la storirevellia vista dal basso, vissuta in prima persona e testimoniata, sia in guerra sia nel mondo contadino, soprattutto quello delle colline e delle montagne del Cuneese. Dalla difesa del mondo dei vinti traspare anche un’attenzione indignata e dolente per l’abbandono di tanti borghi, la devastazione ambientale, la scomparsa di competenze e memorie. Le opere di Revelli sono un invito a non cadere nell’indifferenza, a respingere il conformismo e la prepotenza; sono uno sprone a restare sempre «ribelli per giusta causa», per la giustizia e per la libertà. Ci restano i suoi libri, le sue parole e il suo esempio.

L’incontro, promosso dall’Isbrec, sara condotto da Flavio Faoro e vedrà la partecipazione dell’autore.

L’industrializzazione del comprensorio del Vajont

Nel quadro delle celebrazioni per il 56° anniversario della tragedia del Vajont, sabato 12 ottobre, alle ore 10.00, a Longarone presso il centro culturale, verrà presentato il libro di Agostino Amantia L’industrializzazione del comprensorio del Vajont. Intervento speciale, ricostruzione economica e sviluppo dopo la catastrofe (1963-2000). Dopo i saluti delle autorità, accanto all’autore interverrà Giuseppe Luigi Fontana.

libro amantiaFrutto di una ricerca originale nata all’interno dell’Isbrec e condotta dall’autore su fonti inedite, questo volume propone un quadro organico e articolato del processo di ricostruzione economica che si realizza nel Bellunese dopo la catastrofe del Vajont del 9 ottobre 1963. Introdotto da un ampio saggio di Giovanni Luigi Fontana, che traccia il «difficile percorso» dell’industria in montagna, il volume prende le mosse dallo stato della società locale all’inizio degli anni Cinquanta, di cui evidenzia la fragilità economica e la condizione di sottosviluppo originata dal drenaggio di uomini e risorse cui era sottoposta. Quindi si concentra sui due momenti chiave del processo di industrializzazione: quello promosso dal basso dalle comunità locali, che prende forma alla vigilia della catastrofe e trova nel consorzio dei comuni del Bim Piave il canale di attuazione, e quello perseguito dal legislatore dopo la catastrofe attraverso il Consorzio per il nucleo di industrializzazione della provincia di Belluno. Di questa esperienza di politica territoriale e industriale, che si sviluppa tra gli anni Sessanta e Novanta, vengono ripercorse le fasi salienti, seguendo l’iter di elaborazione della legislazione speciale, la messa in opera del processo di ricostruzione e il flusso di imprese che si insediano nelle diverse sedi del nucleo.

Agostino Amantia è stato direttore dell’Istituto Storico Bellunese della Resistenza e dell’Età Contemporanea. Si occupa di problematiche legate allo sviluppo locale, con particolare riferimento alla montagna bellunese. Su questo tema ha curato con Antonio Lazzarini «La “questione montagna” in Veneto e Friuli tra Otto e Novecento: percezioni, analisi, interventi» (Belluno, 2005).

L’avvocato del Vajont. Sandro Canestrini

Il 24 gennaio 2019 è stata licenziata la legge regionale n. 5 che prevede l’istituzione della “Giornata in ricordo della tragedia del Vajont” e del riconoscimento “Memoria Vajont”. Da quest’anno dunque anche le istituzioni regionali intendono ricordare ufficialmente la più grave sciagura provocata dall’uomo in tempo di pace. In questo contesto l’Istituto storico bellunese della Resistenza e dell’età contemporanea e l’associazione culturale Tina Merlin organizzano l’incontro L’avvocato del Vajont. Sandro Canestrini, che si terrà lunedì 23 settembre alle ore 17,30 presso l’aula magna dell’Istituto “Catullo” in via Garibaldi 10, a Belluno.

L’appuntamento intende tornare sulla figura canestrinidi Sandro Canestrini (Rovereto, 3 febbraio 1922 – Egna, 4 marzo 2019), avvocato trentino, che fece parte del collegio difensivo di parte civile nel processo ai responsabili della strage del 9 ottobre 1963. Il 23 settembre 1969 (dunque esattamente 50 anni fa), Canestrini pronunciò la propria arringa che venne poi pubblicata in quello stesso anno col titolo Vajont. Genocidio di poveri e riedita nel 2003. In quelle pagine dense, tese a dimostrare le responsabilità degli imputati, “l’avvocato del Vajont” pronunciò una pesantissima accusa alle logiche del potere e del profitto che finiscono col prevaricare gli interessi delle comunità. Ma Sandro Canestrini fu una figura di spicco nella sua vita professionale anche in numerosi altri ambiti, essendosi occupato nel tempo di mafia, terrorismo, diritti civili ecc.. A pochi mesi dalla sua scomparsa sembra dunque opportuno ritornare su una delle figure più significative di una storia che rappresenta uno autentico spartiacque per la provincia di Belluno.

vajont genocidio di poveriL’Incontro vedrà la partecipazione di Adriana Lotto, che introdurrà e coordinerà gli interventi dell’avvocato Nicola Canestrini, figlio di Sandro, e dell’avvocato Franco Tandura. L’appuntamento sarà arricchito da letture tratte da Vajont. Genocidio di poveri, curate da Guido Beretta, regista e conduttore radiofonico, che verranno analizzate e commentate dai relatori. È infine prevista la proiezione del filmato della lettura della sentenza al processo Vajont.

L’iniziativa, sostenuta dall’Ordine degli Avvocati di Belluno e patrocinata dai Comuni di Longarone, Erto-Casso e Vajont, è valida come incontro di formazione per docenti di ogni ordine e grado. L’Ordine degli Avvocati, inoltre, riconoscerà 2 crediti agli avvocati del foro di Belluno che parteciperanno all’incontro.

Per la realizzazione del documentario diretto da Alessandro Padovani finanziato dal MIBAC e MIUR (Piano Nazionale Cinema per la Scuola) nell’ambito del progetto La Montagna che R-Esiste – Visioni Fuori Luogo, prodotto dal Liceo dal Piaz di Feltre, in collaborazione con Haapar Film, si cerca

una ragazza di età compresa tra i 15 e i 29 anni

La ragazza deve essere residente nella provincia bellunese, non è richiesta nessuna esperienza come attrice, aperto a italiane e straniere. Cerchiamo storie di giovani che cominciano a vivere il dilemma, comune a molti coetanei delle “periferie”, tra restare nei luoghi in cui sono nati o andare via, o ragazze che hanno trovato nel territorio bellunese una nuova opportunità di vita e lavoro. Si cercano soprattutto personalità spigliate e volenterose di raccontarsi, e con lavori e passioni particolari e/o legate al territorio.

Il casting si terrà nei giorni 21 e 23 luglio 2019
dalle 17.00 alle 20.00
Spazio Tina Merlin, Feltre (BL)

Il progetto è realizzato in collaborazione con Fondazione Dolomiti-Unesco, Provincia di Belluno, Comune di Pedavena, Isbrec, Scuole in rete, Bellunesi nel mondo, Csv Belluno, Associazione Isoipse, Polo bibliotecario feltrino, Dolomiti contemporanee

Per info: haaparfilm@gmail.com | 3400699256

visualizza la locandina qui

Pastasciutta antifascista

pastasciutta antifascista 2019Come ormai da tradizione, lo Spi Cgil di Belluno, in collaborazione con Auser, Isbrec, Rete degli studenti medi e Unione degli universitari, invita tutti all’iniziativa Pastasciutta Antifascista che si svolgerà sabato 20 luglio 2019 a Feltre nella zona del Vescovado Vecchio. La prima parte della giornata sarà dedicata al convegno Essere Europa, seguiranno il pranzo offerto dallo Spi e momenti di convivialità.

Programma della giornata

ore 10.00
Apertura della manifestazione
Convegno Essere Europa, nella sala conferenze del Museo Diocesano in via Paradiso, 19 Feltre
Introduce
Maria Rita Gentilin (Segretaria provinciale Spi Cgil Belluno)

Coordina
Alessandra Fontana (Segreteria Cgil Belluno)

Relatori
Paolo Perenzin (Sindaco di Feltre)
Roberto Padrin (Presidente della Provincia di Belluno)
Flavio Zanonato (già parlamentare Europeo)
Gli studenti della “Rete degli studenti”
Rosanna Bettella
(Segreteria regionale Sp  Cgil Veneto)

12.30
pastasciutta gratuita a tutti i cittadini della provincia che vogliono condividere i valori dell’antifascismo e gli ideali di democrazia espressi dalla Costituzione italiana

Durante la manifestazione sarà possibile effettuare il controllo gratuito della pressione arteriosa e la misurazione dei valori dell’ossigeno nel sangue

L’iniziativa vanta il patrocinio della Provincia di Belluno e del Comune di Feltre

visualizza il programma del convegno qui